Cultura e SocietàNews

Sulmona tra leggenda e tradizione

Sulmona, una città incantevole situata nel cuore della nostra regione, è intrisa di storia, cultura e leggende affascinanti. Ecco alcune delle storie più significative che si intrecciano con la storia di questo bellissimo luogo nel cuore dell’Abruzzo. Uno dei legami più celebri di Sulmona è con il poeta romano Ovidio, nato proprio qui nel 43 a.C. Le opere di Ovidio, tra cui “Metamorfosi” e “Ars Amatoria”, sono ricche di riferimenti alla mitologia e alla storia antica, e la sua nascita a Sulmona rende la città un luogo di grande importanza culturale. Affascinante una delle leggende più note legate a al capoluogo Peligno è quella che racconta che Giove, il re degli dei dell’antica mitologia romana, sia nato proprio qui. La leggenda narra che sua madre, Rea Silvia, fuggendo dalle ire di suo padre, abbia trovato rifugio sulle rive del fiume Vella, nei pressi di Sulmona, dove ha partorito Giove. A Sulmona è conservata anche un’immagine della Madonna che, secondo la leggenda, avrebbe versato lacrime nel 1638. Questo evento è ricordato ogni anno con la celebrazione della festa della Madonna delle Lacrime. Se si parla di questa città, infine, non si può non menzionare La Confettata di Sulmona.  Sebbene non sia esattamente una leggenda nel senso tradizionale del termine, la produzione dei confetti ha una storia antica e affascinante che si intreccia con la cultura e la tradizione di Sulmona. I confetti, dolcetti di zucchero ricoperti di uno strato duro, sono diventati un simbolo e sono spesso associati alle celebrazioni e ai matrimoni. Questi sono solo alcuni degli elementi che compongono la ricca storia e le leggende di Sulmona. La città offre molto altro da scoprire, dalle sue antiche rovine romane ai suoi pittoreschi vicoli medievali, offrendo un affascinante viaggio nel tempo attraverso millenni di storia e cultura.

Abruzzo Sera è anche su Whatsapp. Clicca qui per iscriverti al nostro canale ed essere sempre aggiornato.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati