AmbienteNews

Domani torna l’ora legale: risparmio energetico e benefici

L’ora legale farà il suo ritorno il prossimo 31 marzo, quando alle 2 di notte sarà necessario spostare in avanti le lancette di sessanta minuti. Questa modalità di orologio terminerà il 27 ottobre, con il ritorno all’ora solare.

Secondo le stime di Terna, la società responsabile della gestione della rete elettrica nazionale, durante i sette mesi di ora legale l’Italia risparmierà circa 90 milioni di euro, grazie a un ridotto consumo di energia elettrica stimato intorno ai 370 milioni di kWh. Questo comporterà anche un significativo beneficio ambientale, con una riduzione di circa 170 mila tonnellate di emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera.

Il beneficio economico previsto per il periodo di ora legale nel 2024 è calcolato tenendo conto che il costo medio del kWh per il ‘cliente domestico tipo in tutela’ è attualmente di circa 24,3 centesimi di euro al lordo delle imposte, secondo i dati dell’Arera.

I circa 370 milioni di kWh di minor consumo di elettricità equivalgono al fabbisogno medio annuo di oltre 150 mila famiglie.

Secondo l’analisi condotta dalla società guidata da Giuseppina Di Foggia, dal 2004 al 2023 il minore consumo di energia elettrica in Italia dovuto all’ora legale è stato complessivamente di circa 11,7 miliardi di kWh, comportando un risparmio economico per i cittadini di circa 2,2 miliardi di euro.

Abruzzo Sera è anche su Whatsapp. Clicca qui per iscriverti al nostro canale ed essere sempre aggiornato.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati